week end a edimburgo

Consigli di viaggio per un week end a Edimburgo

La capitale scozzese è una delle città britanniche più visitate, con i suoi 2 milioni di visitatori all’anno.

Il fascino di altri tempi e un centro storico piccolo e ben delimitato ne fanno una meta ideale per un week end.

 

 

Edimburgo: impressioni

 

La città ci accoglie con una vento gelido  e un profumo di carne stufata da mettere l’acquolina in ogni strada. Le prime impressioni sono infatti quasi sempre per me molto legate ai sensi.

Il fascino della città sta nel panorama: le costruzioni di mattoni grigio-marroni, riportano ai tempi antichi, a lontane battaglie e cavalieri. L’ho subito percepita molto diversa da città come Londra o altre visitate in Inghilterra. Gli scenari,  con la natura rigogliosa e i parchi in ogni dove, mi sono sembrati lontani anche da quelli Italiani. Forse ricorda un po’ il Medioevo delle città toscane, ma più “rude” e battagliero.

 

Come organizzare la visita per un week end a Edimburgo

La città è costruita su diversi colli. Su uno spicca il Castello. Gli altri sono punti panoramici e consentono belle passeggiate escursionistiche. Primo tra tutti, Arthur’ s Seat, una vera e propria montagna dentro la città. Calton Hill è invece la piccola Acropoli della città, dal momento che ospita la ricostruzione incompiuta del Partenone di Atene.

Questa premessa vi farà capire che a Edimburgo si scarpina e parecchio. Per fortuna vi sono molte scalinate che consentono l’accesso ai colli e ai monumenti più importanti.

La città è praticamente divisa in due tra Princes Street: da un lato della strada e del parco che da qui prende il nome c’è la città vecchia e si erge la collina del Castello. Dall’altro lato, c’è la Edimburgo “nuova”, dallo stile edoardiano.

week end a edimburgo

Old Town

La città vecchia ha ovviamente il suo fulcro nel castello. Dal castello parte la via principale, che in discesa attraversa tutto il quartiere: la Royal Mile.

Tenete presente che la strada cambia diversi nomi lungo il suo percorso: High Street, Canon Gate… ma è sempre lei …non confondetevi.

Ai lati della strada si aprono i vari “Close”, piccoli e oscuri vicoli che hanno pub o offrono scorci inediti.

Sotto il castello, c’è anche Grassmarket, un tempo la piazza del patibolo e oggi zona di pub e negozietti, insieme all’adiacente Victoria Street.

week end a Edimburgo

New Town

La città nuova ha un reticolato di strade molto più semplice rispetto al dedalo della Old Town. Qui si concentrano i negozi delle principali catene e brand della moda.

In Rose Street troverete, invece, numerosi pub e ristoranti di vario genere.

 

 

Quando andare a Edimburgo

Come dicevo in autunno e in inverno, il clima, seppur temperato, è reso freddo dal vento dell’Oceano.

Sicuramente, a livello climatico, è consigliabile la primavera e l’estate, anche perché nelle altre stagioni fa buio molto presto (a novembre il sole cala alle 4 del pomeriggio). Certamente il grigiore autunnale e la bruma mattutina danno comunque un fascino tipico alla visita della città.

L’estate è la stagione del Festival di Edimburgo, che però richiama frotte di turisti.

 

 

Come arrivare – da e per l’aeroporto

L’aeroporto di Edimburgo è contenuto e ben organizzato. Appena fuori dalla porta degli arrivi, potete cercare la fermata del bus 100 (Airlink) che con 7,50 sterline (andata e ritorno) vi porta in centro città.

Altra soluzione similare è il tram che passa da Haymarket in città vecchia.

Il centro è raggiungibile in circa mezz’ora.

 

Dove dormire a Edimburgo

La zona della Old Town è sicuramente la più suggestiva. Vi sono anche alcuni Ostelli. E’ però anche abbastanza costosa. Per contenere la cifra, io ho scelto il quartiere residenziale di West End,  vicino ai locali di  Lothian Road e a Princes Street, ma comunque molto tranquillo. Grassmarket, che, a mio avviso, è un po’ il fulcro della città, è raggiungibile con una passeggiata di 15 minuti.

Qui si possono affittare begli appartamenti rimodernati, come ad esempio al 22 di Chester Street.

 

Cosa Mangiare a Edimburgo

Seppur la Scozia non sia tradizionalmente rinomata per la sua cucina, offre alcuni spunti interessanti che sicuramente non annoieranno per il week end.

Provate assolutamente le pie: torte ripiene di carne, patate e cipolle, ricoperte dal famoso Gravy (una sorta di salsa/brodo).

La Sheperd’s Pie è fatta con carne di agnello e formaggio.

sheperd's pie

La vera esperienza scozzese sta però nella colazione: oltre a uova, salsicce varie e bacon, la vera Scottish Breakfast comprende anche il Black Pudding (una sorta di sanguinaccio) e l’Haggis, un insaccato a base di frattaglie di pecore… per veri stomaci duri e coraggiosi!

Le persone dai palati più raffinati, troveranno un saporito salmone affumicato e.. ostriche!

Da bere ovviamente Birre, Scoth Whisky e Sidro!

week end a Edimburgo

Moneta e Negozi

A mio parere, non è conveniente cambiare i soldi (né in Italia né sul posto). Molto meglio prelevare direttamente una volta arrivati in Scozia.

Prelevate pochi spiccioli, perché praticamente ovunque (tranne sui bus locali) è possibile pagare con la carta.

La Edimburgo meno conosciuta

Se volete un assaggio di scorci meno turistici, fate un salto a Leith, quartiere che sta subendo un processo di rivitalizzazione. Il quartiere si concentra lungo il Water of Leith e sul porto. Secondo gli abitanti della città, qui ci sono i ristoranti e i locali migliori per aperitivi.

Dean Village, invece, offre scorci che sembrano rubati alla campagna scozzese, nonostante sia raggiungibile con una breve passeggiata da Princes Street.

 

Potete leggere anche la mia esperienza su Cosa Vedere a Edimburgo in 2 giorni.

Per maggiori informazioni, visitate anche l’Ente del Turismo Scozzese.

 

 

 

Autore dell'articolo: Valeinviaggio